Formigine Primo confronto pubblico tra i candidati sindaco.

Formigine Primo confronto pubblico tra i candidati sindaco.

Primo confronto pubblico tra gli aspiranti sindaci Botti, Costi, Iacoi e Righi Riva Discussione su multipiano, polizia locale e attività culturali. Gigetto riceve critiche

Stefania Piscitello 
(Gazzetta di Modena, 6 maggio 2019)

Formigine. Sicurezza, sviluppo locale e non solo: tanti sono stati i temi su cui, i quattro candidati alla poltrona di primo cittadino a Formigine, si sono confrontati lunedì sera. Una Sala della Loggia gremita, con molte persone in piedi, è stata teatro dell’ ormai tradizionale appuntamento in vista delle amministrative, che ha visto un confronto tra i candidati e gli imprenditori delle quattro associazioni aderenti a Rete Imprese: Lapam Confartigianato, Cna, Confcommercio e Confesercenti. Claudio Botti, Maria Costi, Saverio Iacoi e Costantino Righi Riva (in ordine alfabetico) hanno espresso il loro punto di vista riguardo a diversi temi locali; non sono sicuramente mancati i botta e risposta, ma la serata si è svolta in un clima abbastanza disteso. Righi Riva si è infiammato soprattutto sul tema sicurezza: «A Formigine ci sono tutti i giorni furti, basta leggere i giornali per saperlo. La situazione – ha proseguito – è diventata ormai insostenibile». Secondo il pentastellato Saverio Iacoi: «Per la sicurezza si può fare di più in tanti modi. Ad esempio, utilizzando i vigili urbani non solo per fare multe, ma anche per controllare meglio il territorio». Iacoi ha poi continuato il suo intervento proponendo l’ istituzione della figura di vigile di quartiere, oltre alla creazione di un fondo antiintrusione per supportare i cittadini. Fondo anti-intrusione che, ha specificato invece Costi, «esiste già». Da parte di tutti, è stata espressa la volontà di implementare il corpo di agenti: «Anche il nostro programma – ha tenuto a dire il sindaco uscente – prevede il potenziamento dell’organico della polizia locale. Durante la nostra amministrazione molto è stato fatto, non mi sono mai permessa di dire che il problema dei furti è solo una percezione, ma abbiamo anche il problema della droga».Botti, dal canto suo, ha espresso la necessità di un pronto intervento delle forze dell’ ordine a fronte delle segnalazioni: «Altrimenti – ha spiegato – è tutto inutile. Il problema dei furti purtroppo esiste ovunque, qui operano soprattutto ladri che provengono da fuori».Nel corso della serata si è discusso anche di riqualificazione del centro e di pedonalizzazione, per la quale i quattro candidati si sono mostrati tutti favorevoli: «È una proposta che facciamo noi – ha detto Iacoi – ed è sicuramente da studiare insieme a operatori economici e residenti. Bisognerà poi ripensare il centro storico e sviluppare parcheggi. Abbiamo già individuato la zona in via Castiglioni per costruire, eventualmente, un parcheggio multipiano».Proprio riguardo a quest’ ultima idea, si è mostrata decisamente in disaccordo Maria Costi: «Siamo contrari al multipiano, è antiestetico» mentre Righi Riva parla di “valutare insieme se vale la pena regolare la sosta con disco orario oppure fare zone a pagamento? Oggi ci salviamo perché in zona ex Cantina ci sono un sacco di parcheggi vuoti ma quando avranno fatto tutti gli appartamenti saremo nei guai».

Si è parlato poi dell’ abusivismo che sta mettendo in difficoltà l’economia sana del territorio; secondo Botti, per supportare artigiani e commercianti onesti, occorre «incrementare i controlli e non far finta di non vedere certe situazioni. Per riuscire ad aumentare il numero di imprese occorre agire introducendo sgravi fiscali, riqualificando le zone artigianali e favorendo il supporto burocratico».

Ha tenuto banco anche il tema “Gigetto”, il trenino che collega Modena a Sassuolo, spesso al centro di polemiche per ritardi e inefficienze: Costi ha ricordato come la competenza per il trenino sia regionale, essendo trasversale e riguardando più Comuni mentre, secondo Iacoi, «la Regione, forse, non è adeguatamente sollecitata dai Comuni». Se Righi Riva si chiede quante persone usino effettivamente il mezzo che, dice, «non funziona così com’ è», Botti sottolinea di «preferirlo comunque ai veicoli a motore, che producono certamente maggiore inquinamento».

Botta e risposta anche sugli eventi e sulle iniziative del Comune il cui livello, secondo Righi Riva si sarebbe abbassato, mentre, per Botti «non c’ è nulla da dire sugli eventi organizzati da questa amministrazione, ne sono stati fatti tanti e anche di un certo livello. E poi – ha concluso – il gnocco fritto è buonissimo».

Botti ha concluso commentando gli eventi e le iniziative del Comune: il gnocco fritto è buonissimo.

Chiudi il menu